I Pokémon compaiono tra le lapidi di S. Daniele, un padre indignato scatena la polemica

Pokémon GO, dal giorno del lancio ad oggi, è stato vittima di qualunque sorta di polemica, ma oramai le acqua sembravano essersi calmate. Proprio l’altro giorno, però, è scoppiato un nuovo caso di indignazione e questa volta è tutto italiano. Un padre di famiglia ha raccontato di aver accompagnato il figlio alla ricerca di Pokémon in giro per il paese, quando ad un certo punto è incappato in una spiacevole sorpresa: diversi Pokémon venivano segnalati dal gioco all’interno del cimitero di S. Daniele (in Friuli Venezia Giulia) e la chiesa li di fianco era segnalata come Pokéstop.

La notizia è stata riportata dai quotidiani locali per poi espandersi e giungere alle orecchie di testate più importanti, diventando quindi di dominio pubblico. Il padre, inoltre, ha fatto un post sul gruppo Facebook “Sei di San Daniele se…” e potete leggere le sue parole qui di seguito:

Polemica-01

I commenti di sostegno non sono tardati ad arrivare, qui ne riportiamo alcuni:

Polemica-02

Sembra che ancora una volta, quindi, Pokémon GO sia riuscito a far arrabbiare qualcuno, anche se le persone più informate sul funzionamento del titolo sapranno che i Pokémon vengono semplicemente piazzati nel mondo grazie ad un algoritmo generico, per cui la rimozione dei mostriciattoli da luoghi di culto o cimiteri richiederebbe l’intervento specifico di Niantic, ma è impensabile che gli sviluppatori possano mettersi ad agire manualmente in ogni zona “sconveniente”.

Cosa ve ne pare? Pensate l’indignazione in questo caso sia comprensibile, oppure vi pare un’esagerazione?

Commenta con Facebook

commenti

Categories: News, News Pokémon

About Author

Federico Giacobino

Attivo sui siti d'informazione videoludica fin dal 2008, la passione per i Pokémon mi accompagna praticamente da sempre... e probabilmente sarà così ancora per molto!

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.